Chris Hill definisce uno chef come il visionario, il leader ed il coach della cucina. Secondo Chris, ci sono 10 lezioni che uno chef può trasmettere.

1. Pazienza.

In cucina non puoi avere fretta. Come in tutte le cose, ci vuole tempo anche per cucinare correttamente. Nella cucina, come nella vita, la cosa peggiore che possiamo fare è forzare qualcosa che non è pronto.

2. Non c’è guadagno senza sforzo.

Che si tratti di impiegati, di prodotti freschi o di utensili, ciò che si ottiene è direttamente proporzionale a ciò che si dà. Ottima linea in cucina, padelle di ghisa e carne di granchio sono ottenuti ad un caro prezzo, ma raramente ti deluderanno.

3. Controlla l’ambiente.

Ovviamente non puoi controllare tutto ciò che ti circonda, ma più ti concentri sulle cose note, più sarai pronto per quando si presentano situazioni nuove ed incontrollabili. Nelle cucine dei ristoranti, la chiamiamo mise-en-place, che significa „mettere in atto“. Gli chef impostano le loro stazioni prima del servizio in modo metodico cosicché quando hanno bisogno di un rametto di timo, sanno dove trovarlo e non devono scorrazzare per la cucina per cercarlo.

4. Lavoro di squadra.

In parole povere, le cucine dei ristoranti non funzionano senza un’enorme quantità di lavoro di squadra. Può capitare che hai il giorno libero e ti tocca correre al lavoro perché il tuo collega è ammalato e il capo chef ha bisogno di te. Tu ci vai sapendo che questo favore ti verrà restituito. Questa può avvenire solo in presenza di una squadra dove si possa fare affidamento l’uno sull’altro. Prima o poi tutti abbiamo bisogno di aiuto. Offrilo, prima che qualcuno lo chieda.

5. Atteggiamento.

Quasi tutti gli chef preferiscono assumere qualcuno con poca esperienza, ma un atteggiamento positivamente contagioso piuttosto che uno che se la tira e che forse sa cucinare. Un atteggiamento positivo si diffonde in tutto il team e crea vibrazioni positive all’interno della cucina.

6. Esperienza – nulla può sostituirla.

Ho rovinato la salsa olandese centinaia di volte prima di perfezionarla, e quante volte ho cotto troppo la bistecca, prima di trovare un modo affidabile per calcolare la sua cottura? UN SACCO. Prima di padroneggiare qualsiasi cosa, lo sforzo e l’esperienza ci insegnano le cose da non fare, quelle da fare, e tutti gli errori mentali da evitare.

7. Non puoi rendere tutti felici, quindi smettila di provarci.

A noi cuochi piace creare le cose in un certo modo, è così che ci esprimiamo. Siamo nati per pensare fuori dagli schemi. Sfortunatamente, come in qualsiasi forma d’arte, non puoi piacere a tutte le persone. Alcune persone non gradiranno te, la tua visione del mondo o la tua arte. Chi se ne importa – continua a fare arte; la tua arte.

8. Lentezza e costanza.

Se hai fatto qualche barbecue, sai che i tagli più duri della carne impiegano molto tempo a cucinare e a temperature ragionevolmente basse. Nessuna quantità di salsa BBQ può coprire il tuo errore. Hai mai guidato in autostrada alla normale velocità del traffico, e poi qualche idiota ti ha superato ad una velocità eccessiva? Spesso, due chilometri più avanti, lo troviamo incidentato. Lentezza e costanza ti fanno vincere la gara, quasi ogni volta.

9. Prenditi cura degli altri.

A nessuno frega niente di te, fino a quando te ne freghi degli altri. Questo è ciò che realmente significa essere un leader. I dipendenti possono lavorare per un assegno, oppure possono lavorare con sangue, sudore e lacrime per qualcosa in cui credono. Nessuna delle due circostanze avviene per caso – si verificano credendo nelle persone e nutrendole, per il loro guadagno non per il tuo. Sembra difficile, molto difficile? Questo è esattamente il motivo per cui ci sono così pochi buoni leader là fuori.

10. Realizzazione.

Se vuoi fare un sacco di soldi, non diventare uno chef. Vai a fare qualcos’altro, sul serio. Se scegli di intraprendere la scuola alberghiera, sii consapevole del fatto che appena uscito da scuola, a meno che tu non ti sia fatto il fondoschiena con uno chef d’élite, è probabile che ti troverai a lavorare in una cucina lavorando per 7 o 8 euro l’ora. Dopo alcuni anni, potresti essere a 10 euro. Siamo chef per la soddisfazione di creare cose per le persone e così facendo, abbiamo l’opportunità di mostrare la nostra impronta artistica attraverso i nostri menu e piatti. Otteniamo soddisfazione nel vederti sorridere alla bellezza di qualcosa che abbiamo creato. Otteniamo soddisfazione insegnando ad uno sous chef, così che forse un giorno sarà uno chef migliore di noi. Otteniamo soddisfazione dall’idea di creare un team di persone che la pensano allo stesso modo e che adorano fare del buon cibo e amano farlo insieme.

Se condividi anche parzialmente le parole dello chef, sei probabilmente un addetto ai lavori nell’ambiente dell’ospitalità. Cliccando qui, puoi scaricare la APP di Gronda per fare network con gli altri professionisti del settore e puoi trovare gratuitamente lavoro in Germania, Austria e Svizzera. Non perdere tempo ed utilizza questo servizio che conta ormai più di 50 mila utenti.

Vai all'APP di GRONDA

Kostenlose Demo

Jetzt ist der beste Zeitpunkt, um die besten Mitarbeiter zu finden. Erhalte Zugriff auf über 250.000 top qualifizierte Köche und Servicekräfte. Buch jetzt deine kostenlose 10 Minuten-Demo.

Kostenlose Demo buchen