Un cameriere con un bambino appena nato, ci fa notare come prendersi cura di un figlio o servire un tavolo di un ristorante siano la stessa cosa.

Ero terrorizzato non appena ho avuto il mio primo figlio il mese scorso. Era minuscolo e fragile, tremava e gridava in continuazione. L’unica mia preoccupazione era di essere un buon padre.

Però, tutto ciò che sapevo fare era servire tavoli. Cosa avrei potuto fare? Portare a mio figlio una bottiglia di vino o rimuovere le briciole dalla bavaglia tra le varie portate? Ma dopo quattro settimane da quando sono diventato padre ho realizzato di non avere alcun motivo per preoccuparmi perché, per quanto possa suonare strano, le capacità che ho acquisito lavorando nei ristoranti sono le uniche che mi sarebbero servite per diventare un padre di successo. Dopotutto, lui non è altro che un umano egocentrico che vuole tutte le mie attenzione… perciò, se sei un cameriere e stai aspettando un figlio, non preoccuparti e riposa tranquillo. Queste sono le sei lezioni che hai appreso servendo tavoli e che ti saranno cruciali nei primi mesi.

Più o meno…

Lezione 1. Non importa quanto sia grave, non farti prendere dal panico.

Non importa se il POS non funziona o se il tavolo 5 ha trovato un dito umano nella zuppa; non farti prendere dal panico. Personalmente, provo ad avere questa attitudine in tutte le attività di padre. Come ora intanto che mio figlio sta piangendo da 10 minuti, il gatto si sta strofinando sul tappeto nuovo, e vedo del fumo uscire dal tostapane. Ma sto impazzendo? No, sto scrivendo un post per questo blog. Infatti, servendo tavoli ho imparato a sopportare e a non spaventarmi per nulla.

Lezione 2. Sviluppi una vescica di ferro.

Succede a noi tutti: dobbiamo andare in bagno, ma nessuno è nei paraggi pronto a coprirti per quei due minuti e devi saldare la tua vescica, qualche volta per ore finché finalmente puoi correre giù in bagno per tre minuti. Quest’abilità tornerà particolarmente utile quando avrai un bebè. Infatti, ciò che impari non appena hai un figlio è di non svegliarlo mai. Mai. Anche se è addormentato sul tuo petto e hai appena bevuto due litri di the. Finora non ho mai bagnato i miei pantaloni mentre tenevo mio figlio, ma non giudicherei nessuno per averlo fatto.

Lezione 3. Mangerai ogni pasto come fosse durante il tuo turno di lavoro.

Se non hai mai visto un qualunque dipendente di un ristorante mangiare prima del loro turno, immagina un branco di piranha che si spartiscono una mucca, con la sola eccezione che cuochi e camerieri usano le posate. E ci sono due motivi perché questo accade: primo, c’è solo una minuscola finestra temporale in cui possiamo mangiare il nostro cibo prima che i barbari arrivino, secondo, ci sono solamente pochi bocconi buoni e devi lottare per accaparrarteli. In pratica, ciò che sto dicendo è che se vuoi mangiare devi sbrigarti. Che è la stessa cosa che fai quando sei intorno a tuo figlio, trangugiando il tutto perché hai solo tre minuti prima che si svegli e ti chiede di fare la pupù.

Lezione 4. Hai solo amici come te

Grazie agli orari da vampiro che la maggior parte dei camerieri hanno, è impossibile avere amici che non siano del tuo stesso settore, perché il tuo orario è fatto apposta per non incontrare altre persone. E mi succede uguale adesso, non riesco più a vedere i miei amici senza figli. “Cosa hai detto?” “Chi è Trump?”. Ormai vivo in un mondo fatto di pannolini. Parliamo di quello.

Lezione 5. Bambini e clienti non hanno MAI ragione, ma devi comunque dargliela vinta.

Tutta la parte di servire i tavoli è grandiosa. Eccetto per i commensali. Quelli sono terribili. Se ne vengono sempre fuori con lamentele del tipo “dov’è il mio cibo che ho ordinato un minuto fa?” o “questa bottiglia è troppo fredda, scaldala per favore”. Ciò che devi fare è ficcare tutto quello che chiedono nella loro bocca sperano che almeno metti loro a tacere. Non mi ricordo se stavo parlando degli ospiti del ristorante o di bebè, ma non importa perché è la stessa cosa.

Lezione 6. Quando finalmente ne esci, ti mancherà.

Sicuramente non è un settore facile, ma è pieno delle migliori persone al mondo. E lavorerai con loro tutta la notte prima di andare insieme per una, due, tre, … birre. È fantastico, e al momento mi manca molto. E dicono sia lo stesso con i neonati. Cresceranno così in fretta che ti mancheranno i tempi in cui erano così piccoli e carini. È difficile da credere, ma se già mi mancano i tempi in cui servivo i tavoli di grassi pelati che credevano di essere al centro del mio universo, non vedo come non potrà mancarmi prendermi cura del mio neonato essendo la situazione analoga.

Lezione bonus. Fai rete con i tuoi colleghi e trova lavoro facilmente.

Se lavori nel settore della ristorazione e dell’ospitalità, non vorrai perdere l’occasione di fare parte della rete di Gronda. Con quasi 70mila professionisti da tutta Europa, è la più grande rete dove ognuno può condividere le proprie passioni e dove centinaia di hotel e ristoranti partner offrono lavoro in Austria, Germania, Svizzera ed Italia. Registrati gratuitamente premendo qui sotto.

Vai all'APP di GRONDA